MMM Pedalare e scoprire

Dopo l’ultimo giro sul lungo, ecco che abbiam pubblicato anche le tracce.
Non ho foto da mostrare, non ne ho fatte. Ieri avevo un ritmo da seguir, il ritmo delle mie gambe e del mio respirare. Lo ammetto, sono orgoglioso dei percorsi tracciati, penso di aver fatto un più che buon lavoro. Il corto ha una sua anima. Il chilometraggio ridotto senza salite, permette di assaporarlo in pace.
Il lungo è tosto, penso sia la gravel più dura tra quelle organizzate qui in Veneto. Non ho cercato di farlo duro, non era assolutamente la mia intenzione, ma certe cose si posson vedere solo se si va “sopra”.
E’ un viaggio vario, pieno di spunti, mai noioso. Vi stupirà perchè la vista cambierà improvvisa mostrandovi le pendici delle prealpi vicentine, gli altipiani Berici o i coni Euganei. E se nel primo tratto non vi son salite da affrontare, avrete città storiche da attraversare e campanili nella pianura Veneta da traguardare. Sarà anche un viaggio tra i gusti, perchè attraverserete le terre del prosciutto di Montagnana, del mandorlato di Cologna Veneta, del radicchio rosso veronese, dei vini di Soave, dei Berici e degli Euganei.
Ogni salita sarà figlia della geologia che le genera, vi accorgerete voi stessi delle differenze nell’attraversare i due gruppi collinari, che seppur vicini tra loro, non hanno alcuna vicinanza nella genesi.
I tratti asfaltati non mancano di certo perchè comporre un mosaico di più di 150km in questo Veneto di sole strade sterrate è impresa ardua, ma i tratti “grigi” son su strade secondarie dove il solo rumore delle vostre ruote vi accompagnerà.
L’ultima salita, la più lunga e dura vi porterà su uno dei tratti sterrati più belli che ci siano, e l’impennata fino all’ultimo punto di controllo, non è casuale. Una volta timbrato vi dovrete voltare verso Est e scoprirete la strada fatta!
Il bello di tornare dopo aver pedalato per così tanti chilometri è che il nostro dito non può puntar qualcosa di materiale per far veder dove siamo stati, e non ci son foto che tengano, se non le sensazioni provate che ricostruiscono le immagini dei luoghi attraversati.