Girando per la bassa

Giornata da nord, strade umide e vestiario lungo. Piove e non piove. Oggi devo andar in esplorazione. Nuove idee in testa. Da poco hanno completato un anello delle Città Murate e decido di prender quello come filo conduttore, facendo un pò di deviazioni. Quindici giorni che non vado in bici, tranne un giro con l’amico Ettore ieri pomeriggio. Le gambe sono imballate e io non sto benissimo, ma si va, altrimenti passan altri 7 giorni!  Alcuni tratti sono belli e percorribili, altri, come il tratto arginale interessato dalla rotta del 2010 assolutamente no. (forse con un fat…). Poco più di 70km in solitudine, solo degli anacronistici cacciatori e per un momento mi son sentito felice nell’aver l’antipioggia giallo fluo!

Due note tra il serio e il faceto.

1- La provincia di Padova è riuscita nuovamente a completare un anello ciclabile utile alle statistiche e basta. Nessuna area di sosta in 70km, cartellonistica pressapochista e tratti già da risistemare.

2- Una volta quando sti scassapalle di ciclisti si limitavan ad andar a prender il pane in piazza, le strade arginali erano la classica “camporella” e nei tratti iniziali si trovavan i segni dell’amore. Ora invece, con i paletti che bloccano la “camporella” i primi metri degli argini sono diventati il cagatoio dei cani, tanto li non ci passa nessuno, quindi non raccolgo.E non è bello far zig zag tra i ricordini…

La mia casa dei sogni
La mia casa dei sogni
Acciai
Acciai

DSCF6084

una vaya nel vallo!
una vaya nel vallo!
gravel
gravel
riflettiamoci
riflettiamoci
decadenza
decadenza
decadenza2
decadenza2
toc toc
toc toc
casa dei sogni 2
casa dei sogni 2